Il Bando ISI 2017

2 gennaio 2018, 09:58 - Notizie

Con comunicato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 296 del 20 dicembre 2017 è stato reso noto che L'Inail, con Determina del Presidente n. 444 del 4 dicembre 2017, ha approvato i criteri generali per l'attivazione della procedura per l'ottenimento dei finanziamenti alle imprese per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori.

Clicca qui per continuare a Leggere

Vizi e difetti dell'immobile: chi paga se le opere non sono terminate

4 dicembre 2017, 16:58 - Notizie

Il direttore dei lavori esercita in luogo del committente quei medesimi poteri di controllo sull’attuazione dell’appalto che questi ritiene di non poter svolgere di persona. La connotazione precipuamente tecnica di tale obbligazione di sorveglianza lo obbliga a vigilare affinché l’opera sia eseguita in maniera conforme al progetto, al capitolato e alle regole della buona tecnica, ma non lo rende per ciò solo corresponsabile con l’appaltatore per i difetti dell’opera derivanti da vizi progettuali, salvo egli sia stato espressamente incaricato dal committente di svolgere anche l’attività, aggiuntiva rispetto a quella costituente l’oggetto della sua normale prestazione, di verificare la fattibilità e l’esattezza tecnica del progetto.
Per leggere l'articolo intero clicca qui

Stress lavoro correlato: un nuovo manuale

4 dicembre 2017, 16:56 - Notizie

L'Inail, nei giorni scorsi, ha pubblicato un utile manuale ad uso delle aziende per la valutazione e gestione dello stress lavoro correlato.
La pubblicazione dell'Istituto assicuratore descrive la metodologia per la valutazione e gestione di questa particolare fattispecie di rischio e integra le novità e gli sviluppi di ricerca emersi negli ultimi anni.
Per approfondire clicca qui

La classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio di sostanze e miscele

4 dicembre 2017, 16:54 - Notizie

Entrano in vigore il 12 dicembre p.v. nuove fattispecie sanzionatorie in tema di classificazione, etichettatura e imballaggio di sostanze e miscele. 
A prevederlo è l'articolo 15 della legge 20 novembre 2017, n. 167 che reca "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea (Legge europea 2017)". 
L'articolo, in particolare, punisce con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 10.000 euro a 60.000 euro chiunque viola le prescrizioni in materia di pubblicità dettate dall'articolo 48, paragrafi l e 2, primo comma, del regolamento (CE) n. 1272/2008 del 16 dicembre 2008.
Tali prescrizioni prevedono che qualsiasi pubblicità per una sostanza classificata come pericolosa ne debba menzionare anche le classi o le categorie di pericolo in questione. 
Dispongono inoltre che ogni pubblicità per una miscela classificata come pericolosa che permetta a una persona di concludere un contratto d'acquisto senza aver prima preso visione dell'etichetta deve necessariamente menzionare il tipo o i tipi di pericoli che sono indicati nell'etichetta.
Le nuove fattispecie di reato sono state collocate nell'ambito di un articolo aggiuntivo (10-bis) al decreto legislativo 27 ottobre 2011, n. 186, il quale detta, appunto, la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio di sostanze e miscele, che modifica ed abroga le direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e che modifica il regolamento (CE) n. 1907/2006.